Background Image

Hector Saunier

"Lo strumento che mi ispira maggiormente è il bulino. Improvviso direttamente sul rame. Il colore, essenziale, è completamente un'altra avventura."

Pic

Note di biografia

Il pittore-incisore di origine argentina Hector Saunier nasce a  Buenos Aires nel 1936. Vivrà i suoi primi  25 anni sotto i regimi dittatoriali del suo paese. Fa degli studi di architettura e nel contempo  "svariati lavoretti" che gli permetteranno di economizzare per il grande viaggio che progetta. La grande traversata avrà luogo nel 1961. Hector Saunier si stabilisce a Parigi. Nel 1966, il caso gli fa incontrare Stanley William Hayter e decide di studiare l'incisione all'Atelier 17. Saunier impara il suo lavoro principalmente accanto Hayter, che si rende presto conto del suo talento. Diventa velocemente un maestro del colore e della luce, investendo tutta la sua ricchezza creativa al servizio della tecnica in "taille-douce".


Hector Saunier diventa assistente  all' Atelier, lavora in stretta collaborazione con Hayter per vent'anni. Nel 1978, viene nominato Direttore Associato dell' Atelier 17 e lo dirige durante le assenze di Hayter.
La sua grande virtuosità tecnica ed artistica lo condurrà a realizzare una grande parte dell'opera di colui che l'artista considera come il suo Maestro. Hector Saunier è oggi  co-direttore con Juan Valladares, dell'Atelier Contrepoint, il nome che è stato dato al vecchio Atelier 17 alla morte di Hayter nel 1988. Continuando nella tradizione, l'Atelier Contrepoint èt un atelier sperimentale frequentato da artisti e studenti provenienti da tutte le parti del mondo, un luogo di scambi e di insegnamento. Numerosi sono gli artisti di fama che hanno lavorato all' Atelier 17 e poi all'Atelier Contrepoint. Secondo quei principi difesi da  Hayter, la pratica dell'incisione qui viene considerata come un mezzo di creazione piuttosto che come un mezzo di riproduzione. Sotto lo sguardo benevolo di Hector Saunier, del suo socio e dei suoi assistenti, gli artisti lavorano ancora oggi direttamente sulla placca, sollecitati costantemente da nuove esperienze e nuove tecniche. Il metodo dei colori simultanei o le tecniche di incisione di più colori su una placca per il grande campo d'azione che offrono, cari a Hayter, stimolano sempre gli artisti ad innovare. La collaborazione tra vecchi e giovani favorisce lo spirito di ricerca e creazione. Lavorare in questo luogo rappresenta per ogni artista un appuntamento con  se stesso per scoprirsi. Non è forse una bella definizione dell'arte?


L'opera grafica di Hector Saunier, sofisticata e sottile, è una celebrazione della potenza espressiva della linea, della texture, dello spazio e del colore. Incisore raffinato e incomparabile, l'artista manifesta una sensibilità estetica estremamente personale, la sua immaginazione senza limiti gioca con i colori come un musicista virtuoso con le sue armonie. La linea incisa di Hector Saunier è audace e spettacolare, vaga e si immerge nello spazio, sempre in bilico tra espansione e riduzione. Se il suo « immaginario » non è legato al surrealismo, i suoi processi creativi sono in larga misura in ascolto della concezione surreale dell'automatismo con le sue fonti  inconsce dell'ispirazione creatrice. La sua opera è di una sorprendente bellezza, poetica e piena di mistero.


In eventi collettivi o personali, Saunier ha esposto in Inghilterra, Francia, a Porto Rico, in Argentina, Canada, Giappone,  Germania ed  Italia, Brasile e in tanti altri paesi (Marocco, Norvegia, Colombia, Belgio, Malesia, Corea, Spagna, Cuba, Stati Uniti). Negli Stati Uniti il suo lavoro fa parte delle Collezioni della Biblioteca del Congresso, della Collezione Rosenwald a Filadelfia e della Biblioteca Pubblica di New York.


Di lui Hayter ha detto : « Non crea solo uno spazio dell'immaginazione al di là della nostra normale esperienza, ma ci trascina in un'altra dimensione della coscienza del colore stesso - facendoci prendere coscienza della vastità insospettata di uno degli aspetti più gioiosi della vita ».

Manifestamente artisti

L'arte e gli artisti si mettono in mostra : manifesti, gallerie, musei, esposizioni personali o collettive. Sui muri o nelle vetrine, sagge o ribelli, i manifesti avvertono, commentano, mostrano. Alcuni sono stati composti da un artista in occasione di un avvenimento particolare, altri, austeri, non hanno che la lettera.Alcuni sono stati creati con la tecnica litografica, la maggior parte sono delle semplici riproduzioni offset. Numeroso sono quelli che amano collezionare questi rettangoli d'arte, su carta lucida o opaca, monocrome o con differenti colori, con molte parole o quasi mute. Vi presentiamo riuniti qui di seguito i manifesti (francesi e stranieri) in omaggio agli artisti presenti sul nostro sito (327 ). Tra questi ultimi, alcuni non hanno ancora il « loro manifesto », che viene quindi sostituito da un catalogo d'esposizione o da una rivista. Siamo felici di poter rendere omaggio, grazie a questa rubrica, alcune gallerie mitiche come Denise René, Louis Carré, Claude Bernard, Berheim Jeune, Maeght, Pierre Loeb e moltre altre ancora.

Pic

Cataloghi ragionati

Cataloghi ragionati
Non réalisé à ce jour. Tutti cataloghi ragionati

Tracce bibliografiche

Da leggere sull'artista :
  • « Nick (“). Linienkonstruktion », Ed. Hamburger Kunstverein, 1970
  • « Hector Saunier », S.W. Hayter et autres, Galerie R. Douwna, Londres, 1987
  • « H. Saunier: Moderne Meistergraphik », cat., E. et R. Kistner, Nürnberg, 1988
  • « H. Saunier », in « Hayter et l'Atelier 17 », Ed. Musée de Gravelines, 1993
  • « Hector Saunier », Carlo Bertelli et autres, Keum San Gallery, Séoul, 1994
  • « H. Saunier », R. Marteau et autre, Musée He Xiang Ning Art, Shenzhen, 2004
  • « H. S. - Grabados y pinturas », R. Marteau, cat., Gal. Arroyo, Buenos Aires (Arg.), 2006
  • « S. W. Hayter - H. Saunier : Vibrazioni di colore », cat., Cannobio, Italie, 2017
Da leggere dell'artista :
  • « Rosace », R. Marteau, gravures H. Saunier, Ed. Aux dépens des auteurs, 1999
  • « Aux buveurs de rosée », Robert Marteau, gravures H. Saunier, Ed. Iapress, 2003
Sito web :
www.hectorsaunier.com

Saperne un po' di più :


Movimenti dell'arte

+ ATELIER 17 / 1927-1965 / Anton Prinner, Mauricio Lasansky, Jacques Lipchitz, Mark Rothko, ecc.
+ ARTISTI DI OGGI / XX secolo /
I movimenti dell'Arte

Vedere e scoprire

Oltre alle opere attualmente in stock, mi è sembrato utile di darli a vedere o conoscere altre opere degli artisti rappresentati nella galleria. Queste parti, oggi vendute o ritirata della vendita, sono state nello stock della galleria in un passato recente.

Questa pagina permetterà certamente ad alcuni uni fra voi di mettere un'immagine su un titolo o l'inverso, ad altri semplicemente di scoprire un po'più sull'opera di tale o tale artista, o semplicemente per il piacere degli occhi !

Vedere e scoprire